Momento Nostalgia: il mito di Eddie Guerrero.

  • Share

Imbrogliava, vinceva i match con l’inganno, era arrogante, ma aveva anche dei difetti. Oggi si torna indietro di una decade per rivivere il mito di Eddie Guerrero. “Viva la raza!”

Premessa: questo non vuole essere un articolo tecnico, ma rievocare il feeling e la spensieratezza della gioventù, dove per tanti Eddie Guerrero è stato protagonista. Per tutti i dettagli e le informazioni tecniche è possibile consultare Wikipedia.

E’ passato tanto tempo dall’ultima volta in cui, molto probabilmente, avrai assistito ad un match di wrestling in televisione. Ma noi ricordiamo ancora il sentimento di gioia che ci assaliva quando in tv finalmente iniziava la puntata di WWE SmackDown! e l’attesa per la puntata successiva. Eravamo piccoli, e spesso i lottatori rappresentavano i primi “miti” che avevamo. Non ci importava se fosse realtà o finzione, bastava stare in loro compagnia per quell’ora di puro divertimento. Tra tutti i protagonisti, uno in particolare è rimasto nel cuore di molti: Eddie Guerrero.

Il suo motto, “I lie, I cheat, I steal“, la raccontava lunga su di lui. Il personaggio che rappresentava era quello del “furbetto”, quello che spesso vinceva i match imbrogliando e si faceva portavoce talvolta di un’arroganza esagerata. Era palese, però, che fosse un buono di cuore. Proprio questa miscela di sentimenti contrastanti lo rendeva un personaggio unico e amatissimo dagli spettatori. Apprendere la notizia della sua morte, la mattina del 13 novembre 2005, è stato un colpo al cuore per tutti gli appassionati. Da quel momento, non siamo più riusciti a guardare e concepire il wrestling allo stesso modo. Il vuoto è stato immenso. Le lacrime, dopo i video/tributi trasmessi dopo la sua morte, anche.

Insomma, il re della “Frog Splash” è stato in grado di farci emozionare dall’inizio alla fine. Vi lasciamo con un ultimo video celebrativo, in grado di esprimere le emozioni meglio delle parole (insieme a qualche sincera lacrima sulla tastiera):

 

GUARDA ANCHE: Robot Wars, gli indimenticabili combattimenti tra robot.

 

 

Comments

comments

Articoli correlati