Come riaddormentarsi una volta svegliati nel cuore della notte

Commenti Memorabili CM

Come riaddormentarsi una volta svegliati nel cuore della notte

| 10/07/2020
Fonte: Pexels

I suggerimenti degli esperti per riaddormentarsi dopo i risvegli notturni

  • A volte capita di svegliarsi nel cuore della notte e non riuscire più a riaddormentarsi
  • Se questo tipo di insonnia non è legato ad alcun problema di salute, ci sono dei buoni consigli da seguire per riprendere sonno velocemente
  • Si può provare a rilassarsi
  • Bere una tazza di latte e miele per conciliare il sonno
  • Imparare ad ascoltare il proprio corpo, dormendo quanto necessario
  • Evitare di guardare lo smartphone per scongiurare ulteriori stimoli e provare a distrarsi con attività leggere, come guardare dei programmi televisivi

 

Ci siamo passati tutti. Sei sveglio alle 3 del mattino, la tua mente corre con un crescente senso di panico per la difficile giornata che ti aspetta se non ti riaddormenti. “Quello che stai vivendo è un tipo di insonnia”, afferma lo specialista di disturbi del sonno Harneet Walia, del centro per i disturbi del sonno di Cleveland Clinic.

Molti problemi di salute come il dolore cronico, apnea del sonno o reflusso acido possono causare insonnia. Ma se la vostra difficoltà a dormire non è dovuta a problemi di salute, ecco alcuni consigli che possono aiutarvi a riprendere sonno.

Parola d’ordine: rilassarsi

Smettila di guardare l’orologio. Segnare i minuti non fa altro che aumentare l’angoscia per il fatto di essere svegli. Prova a rilassare il corpo per addormentarti. Lavorando dalle dita dei piedi alla fronte, tieni teso ogni gruppo muscolare per cinque secondi, poi rilassati”, spiega il dottor Walia.Se non riesci a riaddormentarti entro 20 minuti, alzati dal letto. Non forzarti ad addormentarti. Probabilmente comincerai a preoccuparti di addormentarti e poi imparerai ad associare la camera da letto al non dormire bene. Trova un’attività poco interessante. Ascolta musica rilassante. Quando tornerai ad avvertire il sonno, torna a letto”.

Prepara una tazza calda

Il dottor Benjamin Smarr, professore dell’Università di Berkeley e membro del comitato consultivo del sonno Reverie, ha consigliato in un’intervista a Bustle la classica tazza di latte e miele. “Lo zucchero caldo e il grasso si combinano perfettamente per promuovere il sonno”, ha dichiarato. Se sei intollerante al lattosio o non sei un fan del latte, puoi provare una tisana rilassante. “La camomilla è un classico aiuto per il sonno, ma anche una tisana alla melissa è un’ottima opzione da tenere nella credenza”, ha commentato Gabrielle Gray, coach della salute olistica e manager del Maha Rose Center for Healing a Brooklyn.

Impara ad ascoltare il tuo corpo

“Si dice che otto ore siano la quantità ideale di tempo per dormire ogni notte, ma questo può variare da persona a persona”, ha spiegato il dottor Smarr. “Otto ore è un’ampia media di popolazione, ma forse si dorme bene anche sei o sette ore. Ogni persona ha un ‘cronotipo’, che viene definito confrontando il tempo del suo giorno ideale con il giorno solare. Se non devi alzarti presto, non farlo: il tuo cervello funzionerà meglio rispetto a quando lo costringi a lavorare nel momento sbagliato”.

Non guardare lo smartphone

Probabilmente avrai sentito dire che l’uso del telefono, del Kindle o di altri dispositivi elettronici che emettono luce blu non va bene proprio prima di andare a letto, quindi lo stesso vale per l’insonnia di mezzanotte. Il dottor Smarr è d’accordo sul fatto di non usare fonti di luce se si vuole tornare a dormire. “La luce blu inibisce i centri del sonno del cervello”, dice. “Si suppone che il sonno avvenga quando è buio e ci si sente tranquilli e al sicuro. Per quanto possa essere allettante prendere il telefono quando ci si sveglia nel cuore della notte, non farlo. La luce blu fa aumentare i livelli di melatonina e può rendere molto più difficile tornare a dormire.

Leggi anche: La melatonina può provocare incubi? Ecco cosa dicono gli esperti

… Ma puoi guardare la tv

Ad ogni modo, il dottor Smarr afferma che se l’insonnia è causata dall’ansia o dallo stress – inclusa l’ansia per il sonno – è possibile fare un’eccezione e guardare un po’ di televisione per distrarsi. “Se si tratta di una sola notte insonne (ce l’abbiamo tutti), allora puoi guardare la televisione, qualcosa di leggero e divertente, non spaventoso. Distraiti in modo da non essere un pallone dell’ansia e poi, quando l’adrenalina fa il suo corso mentre sei troppo distratto per preoccuparti, dormire sarà improvvisamente molto più facile.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend