La Sagra della Salsiccia finisce a botte e insulti, ma sono i volontari

Commenti Memorabili CM

La Sagra della Salsiccia finisce a botte e insulti, ma sono i volontari

| 21/07/2021
Fonte: Facebook

Chiedere all’oste se il vino è buono? Sì.

  • La Sagra della Salsiccia di Lombardore (Torino) è diventata famosa per i suoi volontari
  • Botte di barbera tra i volontari della sagra
  • I volontari della Protezione Civile sono andati un po’ oltre le righe, scatenando il caos
  • Insulti e un ragazzo in ospedale a fine serata
  • Il gruppo potrebbe essere sciolto. Ed era solo la prima edizione.

 

La Sagra della Salsiccia di Lombardore, un paese in provincia di Torino, è riuscita a guadagnarsi una fama nazionale già dalla prima edizione, ma non per la qualità dei prodotti, quanto per quella dei volontari. Come accade in ogni sagra, anche in questo caso era presente una squadra di volontari per aiutare a gestire tutti gli aspetti della festa, ordine e rispetto della normativa anti covid inclusi.

Ma chi controlla i controllori? Visto l’esito della serata, nessuno, parrebbe; la sagra alcune sere fa si è infatti conclusa con botte e insulti. I protagonisti non sono stati però dei partecipanti che avevano approfittato esageratamente di salsicce e barbera, quanto proprio i volontari della Protezione Civile, che erano sul posto per garantire che tutto si svolgesse nel migliore dei modi.

Non ti fidar di un volontario a mezzanotte

Stando a quanto riportato dalle cronache, sembra che i volontari della sagra della salsiccia intorno a mezzanotte si siano scatenati in pista portando un bel po’ di scompiglio, mentre ancora indossavano la divisa della Protezione Civile.

Nonostante l’intervento del comandante della polizia municipale, il gruppetto aveva continuato a fare confusione, arrivando anche ad indossare la divisa al contrario. Non è però l’episodio più grave: uno dei volontari ha infatti litigato in maniera molto pesante con il fidanzato di sua figlia che, per sottrarsi all’ira del quasi suocero, sarebbe caduto da una finestra procurandosi delle ferite che hanno richiesto una corsa in ospedale nonché l’intervento dei carabinieri.

Leggi anche: Polizia cerca volontari disposti a ubriacarsi per testare l’alcoltest

Protezione incivile

Il polverone sollevato intorno alla sagra della salsiccia non è ovviamente piaciuto al coordinamento della Protezione Civile di Torino, che ha chiesto un incontro con le parti coinvolte per chiarire la dinamica dei fatti e ha anticipato la necessità di sospensione dei volontari incriminati. Nel frattempo tutto il gruppo comunale è stato sospeso in attesa che si identifichino con precisione i responsabili. Se ciò non fosse possibile, il sindaco ha preannunciato di essere pronto a sciogliere completamente il gruppo. Non male, per la prima edizione della sagra.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend