Donna inventa sedia che impedisce agli uomini invadenti di allargare troppo le gambe

Commenti Memorabili CM

Donna inventa sedia che impedisce agli uomini invadenti di allargare troppo le gambe

| 23/07/2019
Donna inventa sedia che impedisce agli uomini invadenti di allargare troppo le gambe

Una studentessa inglese ha presentato una strana sedia per difendere l’uguaglianza di genere e impedire invasioni di spazi

Dopo l’inganno della cadrega di Aldo, Giovanni e Giacomo, la cadrega che inganna soltanto il genere maschile. Una studentessa britannica ha deciso di rivoluzionare l’arredamento con una sedia molto particolare e che promette di interrompere per sempre l’invadenza tipica degli uomini quando si siedono. Di cosa si tratta? L’idea è venuta in mente a una 23enne che si chiama Laila Laurel.

La giovane studia presso l’Università di Birmingham e da qualche tempo non sopportava più i comportamenti dei ragazzi che non riescono a fare a meno di andare oltre gli spazi che dovrebbero occupare col corpo. L’ispirazione giusta è arrivata grazie all’approfondimento del progetto “Everyday Sexism” di Laura Bates, nel quale si parla delle battaglie e delle frustrazioni quotidiane delle donne.

In questo progetto si parla diffusamente dei maschietti che invadono gli spazi del gentil sesso, un’abitudine a cui si dovrebbe mettere fine al più presto. Il design dell’oggetto è a dir poco inquietante. Si sta infatti parlando di un mobile che ricorda molto gli strumenti di tortura del Medioevo e che sembra proprio essere stato progettato per punire chi si professa colpevole.

Gli unici legni utilizzati sono stati quelli di sicomoro e ciliegio, inoltre bisogna precisare che esistono due modelli disponibili. Uno è fatto su misura per gli uomini e l’altro per le donne. La differenza si nota immediatamente al primo sguardo. Il riscatto potrà forse partire da un arredo del genere? Laila ci crede tanto e alla stampa ha rivelato le prospettive future della sua invenzione.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend