Si fa tatuare la scritta “non resuscitatemi” e i medici obbediscono

Commenti Memorabili CM

Si fa tatuare la scritta “non resuscitatemi” e i medici obbediscono

| 09/04/2019
Si fa tatuare la scritta “non resuscitatemi” e i medici obbediscono

L’uomo era cardiopatico e diabetico; inoltre soffriva anche di una malattia cronica ai polmoni. Quando i sanitari lo hanno spogliato per intervenire in suo aiuto si sono accorti di un singolare tatuaggio che l’uomo aveva addosso. Sul suo petto era scritta a caratteri cubitali la frase “DO NON RESUSCITATE”. Il NOT, a scanso di equivoci, era stato sottolineato. Sotto c’era uno strano scarabocchio, forse la sua firma.

In pratica l’uomo si era fatto scrivere addosso il protocollo medico secondo il quale rifiutava l’accanimento terapeutico. Per quanto la sua volontà apparisse molto chiara, i medici sono rimasti perplessi. Come verificare che quella scritta fosse davvero una volontà esplicita? In fondo l’uomo poteva essersi fatto tatuare quelle parole solo per una goliardata (un vero temerario, in tal caso!).

In effetti le perplessità dei medici erano comprensibili in quanto esisteva un precedente. Nel 2012 era successa la stessa, identica cosa. Un uomo era arrivato al pronto soccorso privo di sensi e con un bel DNR tatuato addosso. Peccato però che poi si sia scoperto che si era dovuto fare quel tatuaggio solo perché aveva perso una scommessa. Fortunatamente in quel caso i medici ignorarono il monito!

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend