L’importanza del sonno REM: chi fa tanti sogni vive di più

Commenti Memorabili CM

L’importanza del sonno REM: chi fa tanti sogni vive di più

| 13/09/2020
L’importanza del sonno REM: chi fa tanti sogni vive di più

Chi fa tanti sogni vive più a lungo: la chiave è la quantità di sonno REM

  • Un nuovo studio dell’Università di Stanford ha trovato un collegamento tra sogni e longevità
  • Chi sperimenta una maggiore quantità di sonno REM – la fase in cui si verificano i sogni – ha un minor rischio di mortalità
  • Studi recenti hanno collegato la scarsa quantità (e qualità) del sonno a molti problemi di salute
  • L’attuale ricerca ha esaminato 2.675 uomini più anziani e 1.375 uomini e donne di mezza età 
  • I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista JAMA Neurology

 

Secondo un nuovo studio, un sonno REM insufficiente può essere associato a un rischio di mortalità più elevato tra gli adulti di mezza età e gli anziani. Il sonno REM, o sonno di movimento rapido degli occhi, si riferisce alla fase del sonno durante la quale si verificano i sogni.

Studi recenti hanno collegato il sonno insufficiente o di scarsa qualità a molti problemi di salute, tra cui le malattie cardiache e l’ipertensione arteriosa. Ma i ricercatori sanno poco su come la proporzione di tempo trascorso nel sonno REM e nel sonno non REM possa influenzare gli effetti sulla salute.

Più sonno REM, più sogni, più salute

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Neurology. I ricercatori hanno trovato che per ogni 5% di riduzione del sonno REM tra un gruppo di 2.675 uomini anziani – che hanno seguito per oltre un decennio – c’era un aumento del 13% al 17% dei tassi di mortalità. Questi risultati sono stati replicati in di un altro gruppo di partecipanti allo studio che consisteva di 1.375 uomini e donne di mezza età che sono stati seguiti per oltre due decenni.

Leggi anche: La melatonina può provocare incubi? Ecco cosa dicono gli esperti

“Numerosi studi hanno collegato il sonno insufficiente con conseguenze significative per la salute. Eppure molte persone ignorano i problemi del sonno o non si concedono abbastanza tempo per dormire adeguatamente. Nella nostra vita frenetica, il sonno può sembrare un fastidio che richiede molto tempo. Questo studio ha trovato in due gruppi distinti che i livelli più bassi di sonno REM sono associati a tassi di mortalità più elevati”, ha osservato la prima autrice dello studio, Eileen Leary, dell’Università di Stanford. Anche se il meccanismo che collega il sonno REM insufficiente a un tasso di mortalità più elevato non è chiaro, lo studio suggerisce che le strategie per migliorare il sonno REM possono migliorare la salute e ridurre il rischio di mortalità precoce negli adulti.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend