Scienziati affermano: “La chiave per nutrire il mondo? L’urina umana”

Commenti Memorabili CM

Scienziati affermano: “La chiave per nutrire il mondo? L’urina umana”

| 21/05/2022

Diversi studi stanno rivalutando l’importanza e l’impiego delle scorie corporee anche in altri ambiti

  • La carenza di acqua e le emissioni di CO2 stanno aumentando le problematiche climatiche
  • Ciò sta decretando diverse conseguenze negative in vari settori
  • Tra questi figura in primis quello dell’agricoltura
  • A tal proposito gli esperti stanno sviluppando alternative per coltivare i raccolti agricoli
  • Secondo diverse ricerche scientifiche, l’urina può fungere da fertilizzante

 

Oggigiorno, l’aumento della carenza d’acqua e delle emissioni di gas serra è un problema climatico abbastanza grave che gli scienziati stanno tentando in tutti i modi di arginare e neutralizzare per salvaguardare il mondo. A tal proposito gli esperti hanno riscontrato un sensazionale “trucco” nel nostro arsenale biologico: riutilizzare la pipì umana.

L’urina potrebbe essere un ottimo elemento da impiegare come fertilizzante per i prodotti agricoli su larga scala rispetto ai metodi attuali utilizzati dagli agricoltori, talvolta fortemente inquinanti. Per crescere e produrre i loro frutti, le piante hanno bisogno di azoto, fosforo e potassio. Tuttavia le moderne versioni chimiche di questi fertilizzanti aumentano i gas serra rendendo i corsi d’acqua altamente contaminati.

Julia Cavicchi del Rich Earth Institute USA ha affermato che l’urina rappresenta circa l’80% dell’azoto e del fosforo presente nelle acque reflue. Tale sostanza di scarto umana è considerata una ricca risorsa che le aziende agricole potrebbero impiegare per i propri raccolti. Ciò però potrebbe avvenire solo se si costruissero apposite infrastrutture in grado di adunare e, in seguito, deviare l’urina all’occorrenza.

Una nuova concezione della pipì umana

Non è la prima volta che si ipotizza di utilizzare la pipì umana come fertilizzante per il terreno e le piante. Ciò che manca al momento è però una funzionale strumentazione in grado di compostare i rifiuti umani solidi in un concime utilizzabile. Pur essendo ancora in minima quantità a livello mondiale, i sistemi pilota per la raccolta delle acque reflue sono già particolarmente popolari nelle poche comunità geografiche in cui sono stati implementati e testati.

Leggi anche: Ex modello di Versace: “Sono in forma perché bevo la mia urina”

Marine Legrand, antropologo della rete OCAPI, sostiene che affinché tali programmi di modernizzazione dei sistemi fertilizzanti riescano ad ottenere il meritato riconoscimento, è necessario che le persone riducano la loro pessima opinione nei confronti delle scorie corporee. Mutando il nostro approccio verso l’urina umana, aumenterà anche la disponibilità di acqua su scala mondiale. “Stiamo iniziando a capire quanto sia preziosa l’acqua“, ha spiegato la donna.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend