Usanze vichinghe: donare un gattino alla futura sposa

Commenti Memorabili CM

Usanze vichinghe: donare un gattino alla futura sposa

| 09/07/2019
Usanze vichinghe: donare un gattino alla futura sposa

C’è chi li ama, c’è chi li odia, il web ne è pieno: oggi parliamo di gattini e di interessanti usanze del passato.

Può piacere o non piacere, ma nessuno può negare che il gatto sia uno degli animali più presenti nella storia dell’uomo. Con buona pace dei sostenitori del cane (animale fedele, utile, assolutamente insostituibile) la parte del leone – se ci consentite la leziosità – l’ha sempre fatta il gatto. In questo però la comunità scientifica deve dirsi colpevole: la linea evolutiva del cane è stata studiata nei minimi dettagli ed è quindi, ad oggi, ben nota. Rispetto al gatto, invece, esistono ancora numerosi dubbi.

Detta in parole povere, anche se con i gatti condividiamo case e letti, su di loro sappiamo ben poco. Ad approfondire un po’ le nostre – scarse – conoscenze sul modo in cui questo animale sia stato addomesticato (se poi lo è mai stato davvero!) ci hanno pensato alcuni studiosi che hanno cercato di ricostruirne la storia attraverso il DNA mitocondriale. Il DNA mitocondriale è quello che si trasmette solo per via materna.

Nel settembre del 2017 ad Oxford, nel Regno Unito, si è svolto il Simposio Internazionale di Archeologia Biomolecolare. In questo ambito sono emerse alcune curiosità sul nostro amico gatto che aprono strade inattese nello studio delle sue origini. Si è infatti scoperto che questo animale, solitamente associato alle civiltà agricole e stanziali, con tutta probabilità nei secoli passati era assai più vagabondo di quanto non faccia sospettare oggi il nostro Fufi – perennemente sdraiato tra letto e divano.

I ricercatori hanno analizzato il DNA mitocondriale di 209 gatti i cui resti risalgono ad un periodo compreso tra 15000 e 3700 anni fa. Questo lasso di tempo è quello immediatamente successivo all’adozione dell’agricoltura da parte delle comunità umane come mezzo di sostentamento. Convenzionalmente, l’addomesticamento del gatto viene fatto risalire a 15000 anni fa ad opera della civiltà egizia.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend