L’infinita varietà di genitali maschili nel regno animale

Commenti Memorabili CM

L’infinita varietà di genitali maschili nel regno animale

| 23/06/2021
Fonte: pexels 

Una scienziata statunitense ha scritto un libro sui tratti in comune e le differenze nei genitali maschili degli animali

  • Una scienziata ha scritto un libro sugli organi riproduttivi degli animali
  • Parla dei tratti in comune e delle differenze dei genitali animali esistenti al mondo
  • Nel regno animale esistono membri a forma di cavatappi, sempre eretti e rimovibili
  • Alcune specie ne hanno più di uno, altre non ne hanno per nulla
  • C’è anche chi ha un organo riproduttivo più lungo del suo stesso corpo

 

Il mondo animale è sempre una fonte di sorprese, anche quando si parla di organi riproduttivi. I genitali maschili degli animali si presentano sotto diverse forme e dimensioni: ci sono quelli a cavatappi, doppi, sempre eretti, staccabili, o le specie che non ce l’hanno per niente. La scrittrice e giornalista scientifica statunitense Emily Willingham, è autrice del libro Phallacy: Life Lessons from the Animal Penis, dove vengono presentati i tratti in comune e le differenze in merito ai genitali maschili degli animali. Anche Emmanuelle Pouydebat, del Centro Nazionale della Ricerca Scientifica francese, nel libro Sexus Animalus fa una rassegna dei genitali animali più bizzarri al mondo.

A chi tanto e a chi niente. Infatti, serpenti e lucertole hanno due organi genitali. Per l’esattezza è un membro bifido che si biforca in due emipeni, a volte con due ulteriori punte. È il caso del marasso, una vipera eurasiatica che usa uno o l’altro dei suoi emipeni in una delle due vulve della femmina. Al contrario non sono cosìdotatigli uccelli, dei quali, solo il 3% possiede i genitali maschili. Tutti gli altri per riprodursi accostano la loro cloaca a quella della femmina. Tuttavia, fanno eccezione alcune specie di volatili con degli organi riproduttivi decisamente sopra le righe. Tra questi troviamo i germani reali e altre anatre che hanno un membro a forma cavatappi. I loro genitali devono adattarsi alla forma complessa e a spirale della vulva femminile della stessa specie.

Dai membri a forma di cavatappi, a quelli sempre eretti e rimovibili

Ma non è finita qui. Tra i volatili ci sono anche anatre con un membro che supera per lunghezza il loro stesso corpo. Un esempio è il gobbo lacustre, del Sudamerica, che sfodera un organo genitale di 42,5 cm. Tra i mammiferi c’è l’echidna a becco corto (o formichiere spinoso) che ha un particolare membro maschile a quattro teste. All’inizio dell’erezione, sono visibili tutte le quattro punte, ognuna in grado di emettere sperma. Successivamente due si ritraggono e lasciano spazio alle altre, e la volta dopo si alternano.

Leggi anche: Formichiere spinoso, l’animale con il membro più strano al mondo: ha “4 punte”

Ci sono uomini che pagherebbero per essere al posto di coccodrilli marini e alligatori del Mississippi. Questi hanno un membro sempre eretto: non cambia di dimensioni, ma di norma è nascosto nel corpo, dentro la cloaca. Infine, tra le varie stranezze c’è anche l’organo riproduttivo dell’argonauta, un mollusco cugino del polpo. È un invertebrato con un tentacolo modificato che fa la parte del membro genitale: questo si stacca dal corpo maschile, nuota fino alla femmina, dove si inserisce e rimane per il tempo necessario.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend