Installazione artistica di protesta: si fa un bikini con le mascherine

Commenti Memorabili CM

Installazione artistica di protesta: si fa un bikini con le mascherine

| 03/06/2020
Installazione artistica di protesta: si fa un bikini con le mascherine

Vedi che invece di buttare le mascherine, inquinando, potremmo riutilizzarle così quest’estate.

  • DaVida Sal è un’artista che ama provocare
  • Di recente si è esibita a Los Angeles in una performance molto controversa
  • Ha indossato delle mascherine chirurgiche a mo’ di bikini
  • Non ha messo però la mascherina sulla bocca
  • Ha detto che la sua è stata una protesta contro le restrizioni del lockdown
  • Sui social network molte persone hanno criticato la sua azione

 

Non tutti sono stati d’accordo con le misure restrittive che mezzo mondo ha preso nei confronti della pandemia di Coronavirus. Ci sono infatti parecchie persone convinte, nella peggiore delle ipotesi, che sia stato tutto un complotto mondiale per privare i cittadini delle loro libertà. Nella migliore delle ipotesi, c’è chi pensa che si sia esagerato un po’. DaVida Sal appartiene in modo convinto alla prima categoria.

DaVida Sal è un’artista di Los Angeles che in questi giorni ha riempito le pagine dei giornali, conquistandosi i famosi cinque minuti di notorietà di warholiana memoria. Infatti si è presentata fuori da un supermercato indossando solo un curioso bikini. Il bikini era fatto con le mascherine chirurgiche che tanto bene conosciamo. La cosa più imbarazzante della performance è che le mascherine coprivano tutto, tranne quello che avrebbero dovuto.

A parte il fatto che il bikini era veramente ridottissimo (diciamo pure che la donna era seminuda), la mascherina mancava proprio sulla bocca. L’artista ne ha invece indossata una sugli occhi, a simboleggiare quella che, a suo parere, è la cecità delle persone nel seguire delle regole non necessarie. In seguito infatti DaVida Sal ha spiegato la sua azione proprio in questi termini: una protesta contro l’applicazione acritica di norme coercitive non giustificate da nessuna pandemia (che lei ritiene fasulla).

Le critiche della rete

DaVida Sal è da sempre polemica nei confronti dell’establishment e stavolta ha deciso di scagliarsi contro il lockdown. La reazione delle persone alla sua performance artistica, però, è stata prevalentemente negativa. Qualcuno ha osservato che quelle mascherine avrebbero potuto essere usate meglio. Altri ritengono che sia stato un gesto di cattivo gusto, con tanta gente che è morta.

Leggi anche: Non ha la mascherina per entrare alle Poste, ne improvvisa una con gli slip

DaVida Sal però continua a difendere a spada tratta il suo operato. “Ho trasformato le mie paure nella mia forza.” scrive in risposta ai detrattori “Ho osato oltrepassare il muro di terrore che ci è stato imposto, e ho scoperto che oltre ci sono luminose e infinite possibilità”. In effetti, almeno una possibilità ai nostri occhi l’ha illustrata: invece di buttare le mascherine, potremmo usarle per andare in spiaggia quest’estate. Chissà che non diventi un trend.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend