Buffalo Soldiers: la pattuglie brasiliane che come cavalcature usano i bufali

Commenti Memorabili CM

Buffalo Soldiers: la pattuglie brasiliane che come cavalcature usano i bufali

| 16/09/2020
Buffalo Soldiers: la pattuglie brasiliane che come cavalcature usano i bufali

No, Bob Marley e i rasta non c’entrano niente.

  • Sull’isola di Marajo i poliziotti usano curiose cavalcature
  • Si tratta dei bufali
  • Sono animali che sostengono l’economia dell’isola
  • Inoltre attirano molto a livello turistico
  • Una foto di due poliziotti sui bisonti ha fatto il giro del web
  • L’hanno intitolata “Buffalo Soldiers”

 

Quando la foto che ti mostriamo in copertina ha cominciato a circolare in rete, subito hanno ribattezzato i due militari che vi appaiono “Buffalo Soldiers”. In realtà, i Buffalo Soldiers, storicamente parlando, erano qualcosa di molto diverso. Il termine identificava i membri del 10° Reggimento di Cavalleria dell’Esercito degli Stati Uniti, che aveva la peculiarità di annoverare tra i suoi componenti solo afroamericani.

Per questo Bob Marley dedicò loro una canzone, scritta insieme a King Sporty, che si intitola proprio “Buffalo Soldiers”. I soldati, nonostante il nome, in realtà non cavalcavano dei bufali: invece i due militari della foto fanno esattamente questo. Non si tratta di un fotomontaggio: l’immagine è stata immortalata sull’isola di Marajo, che appartiene al Brasile.

Pattuglie a cavallo (a bufalo)

A quanto apprendiamo, assistere ad una scena simile non è affatto inusuale a Marajo. Sull’isola ci sono 450.000 bufali indiani, anche detti bufali d’acqua, tra addomesticati e selvatici. I bufali sono più degli esseri umani e costituiscono il fulcro dell’economia locale. Aiutano nei campi, forniscono latte, pelli, carne. E fungono anche da cavalcature per la Polizia locale, visto che sono molto mansueti (dicono).

Leggi anche: Corre più veloce di Bolt, grazie a due bufali come aiutanti

Naturalmente i poliziotti sanno bene quanta impressione suscitino le loro cavalcature, che usano a due scopi. Il primo consiste nello spaventare i possibili malviventi, che di certo non gradirebbero farsi rincorrere da un bufalo inferocito. Il secondo è puramente turistico: diciamo che farsi scattare foto non è tra le occupazioni secondarie di questi prodi tutori dell’ordine.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend