Bullismo a scuola, l’agghiacciante video del piccolo Quaden Bayles: “Voglio uccidermi”

Commenti Memorabili CM

Bullismo a scuola, l’agghiacciante video del piccolo Quaden Bayles: “Voglio uccidermi”

| 23/02/2020
Bullismo a scuola, l’agghiacciante video del piccolo Quaden Bayles: “Voglio uccidermi”

Quaden Bayles è un bambino di 9 anni quotidianamente vittima di bullismo: sua mamma ha deciso di denunciare la sua sofferenza con un video straziante.

  • Quaden Bayles è un bambino di nove anni affetto da acondroplasia
  • Il piccolo ha subito quotidiani atti di bullismo a scuola ed esasperato da ciò ha detto a sua mamma di voler morire
  • La madre ha ripreso lo sfogo del piccolo in uno straziante video e lo ha condiviso sui social per far riflettere sugli effetti del bullismo

 

A nove anni non si dovrebbe desiderare la morte. Eppure il bullismo porta a questo. Quaden Bayles è un bambino di nove anni del Queensland, Australia, affetto da acondroplasia (una forma di nanismo). Esasperato dai continui atti di bullismo subiti a scuola, ha detto di voler morire. Lo straziante episodio è stato registrato in un video dalla mamma di Quaden, Yarraka Bayles, la quale ha scelto di condividerlo su Facebook per mostrare al mondo gli effetti disastrosi provocati dal bullismo.

Non si può rimanere impassibili di fronte allo sguardo di Quaden. I suoi occhi mostrano quanto questo piccolo si sia sentito umiliato, disperato. Non si può far finta di niente di fronte a un bambino che – piangendo a dirotto – dice “dammi una corda, voglio uccidermi”, voglio morire, “dammi un coltello”“Questo è l’impatto che il bullismo ha su un bambino di nove anni che vuole solo andare a scuola, ricevere un’istruzione e divertirsi”, ha detto la mamma nel video, che è stato visto 19 milioni di volte su Facebook.

Niente scuse

Alcune persone hanno ipotizzato che il piccolo possa soffrire di problemi di rabbia, per questo la redazione di Bored Panda ha parlato del caso di Quaden con la dottoressa Tracy Vaillancourt dell’Università di Ottawa, esperta in salute mentale dei bambini e prevenzione della violenza. La dottoressa ha sottolineato che coloro che credono che Quaden possa avere un problema di rabbia si sbagliano.

“Le persone che pensano che Quaden abbia un problema di rabbia stanno patologizzando una reazione normale al bullismo, e questo è sbagliato. Quando bambini e adulti sono vittime di bullismo si arrabbiano o diventano tristi. Protestare contro un trattamento inadeguato da parte dei coetanei è appropriato.

Noi stiamo con Quaden, #WeStandWithQuaden

Per una volta il web è riuscito a smuovere le coscienze e a regalare un lieto fine a questa triste storia. Il video è diventato virale e ha portato gli utenti dei social media a offrire il loro supporto, con centinaia di persone che hanno utilizzato l’hashtag #WeStandWithQuaden. La clip ha inoltre spinto alcune celebrità a dare una mano a Quaden, tra cui gli attori Jeffrey Dean MorganJames Woods i membri dell’Australia National Rugby League e il comico Brad Williams, anche lui affetto dalla stessa patologia e molto colpito dal filmato.

Leggi anche: Siria: papà insegna alla figlia a ridere delle bombe per non spaventarla

L’attore ha raccolto oltre 175 mila dollari australiani (e non solo) per mandare il bambino e la madre a Disneyland in California. Tra i sostenitori compare anche Hugh Jackman, celebre attore australiano noto per aver interpretato molti ruoli nel cinema, tra cui l’iconico Wolverine. “Quaden, sei più forte di quanto tu non sappia. Hai un amico in me”, ha detto Jackman.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend