Ritirano il diploma usando una moto d’acqua

Commenti Memorabili CM

Ritirano il diploma usando una moto d’acqua

| 30/06/2020
Ritirano il diploma usando una moto d’acqua

Non tutti i Coronavirus vengono per nuocere.

  • Il 2020 è un anno strano per chi si diploma
  • La pandemia di Coronavirus impedisce lo svolgersi delle tradizionali cerimonie
  • Si sono però svolte cerimonie alternative
  • Come quella delle Key West, in Florida
  • I diplomati della Somerset Island Prep charter high school hanno ritirato i loro diplomi usando delle moto d’acqua
  • Il preside li porgeva loro da un barcone ancorato al largo usando un braccio allungabile

 

Che strano, diplomarsi nel 2020, anno della pandemia di Coronavirus. Se chiunque di noi non dimenticherà mai il giorno in cui ha ricevuto il suo diploma di scuola superiore, per i ragazzi che lo riceveranno quest’anno il tutto sarà ancora più indimenticabile. Nel bene, e nel male. Perché una pandemia non è uno scherzo, certo. Ma rispettare le regole del distanziamento sociale, a volte, può persino essere divertente.

Accade dunque che la Somerset Island Prep charter high school di Key West, in Florida, abbia cercato di ideare un modo diverso (e soprattutto sicuro) di svolgere la cerimonia di consegna dei diplomi. Questo momento è solitamente salutato con grandi festeggiamenti in tutti gli USA: e non poter tenere alcuna celebrazione per via del Covid-19 rendeva tristi sia gli studenti che i docenti. Ecco allora trovata la soluzione.

Le immagini della consegna dei diplomi hanno fatto il giro del mondo, perché in effetti una modalità del genere è del tutto inedita. Il preside della scuola è salito a bordo di un barcone che è stato ancorato al largo, con il suo carico di diplomi. I dodici ragazzi che dovevano ritirarli si sono approcciati uno alla volta alla barca usando… una moto d’acqua. Avevano imparato ad usare la moto poco prima, con un corso intensivo e gratuito di tre ore.

Sgommando sulle onde

Il preside allungava il diploma usando un braccio meccanico: ecco che ogni contatto interpersonale è stato evitato. I ragazzi però non hanno rinunciato ad indossare toga e tocco, come è tradizione. Poco male, se si sono bagnati un  po’. Ognuno di loro, per buona misura, indossava anche la mascherina. Il senso del tutto lo ha espresso il preside Tom Rompella nell’immancabile discorsetto di congedo.

Leggi anche: Giappone, le cerimonie di laurea si celebrano con robot e tablet del neo-dottore

“Questa cerimonia serve a dimostrare quello che abbiamo sempre cercato di insegnare ai nostri ragazzi. Nessuna barriera è troppo alta da superare, e ogni sfida può facilmente essere vinta con un po’ di creatività e con il duro lavoro”. Bhe dai, duro lavoro: immaginiamo che a quei ragazzi non dev’essere dispiaciuto sfrecciare sulle onde, dopo tanti giorni passati sui libri. Avercene, di cerimonie per il diploma così.

 

 

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend