Facebook blocca la campagna elettorale di Luc Anus: il cognome è offensivo

Commenti Memorabili CM

Facebook blocca la campagna elettorale di Luc Anus: il cognome è offensivo

| 02/10/2018
Facebook blocca la campagna elettorale di Luc Anus: il cognome è offensivo

Luc Anus è un 26enne che vuole essere eletto al consiglio comunale di una piccola città del Belgio: il voto è previsto per il 14 ottobre

Ormai è diventata quasi un’abitudine notare la somiglianza tra la faccia dei politici e il loro fondoschiena. Per un candidato di un piccolo paese del Belgio la battuta sarebbe stata perfetta, purtroppo Facebook ha deciso di “rovinare” tutto. Stiamo parlando di Luc Anus, un 26enne che sta cercando di essere eletto al consiglio comunale di Lobbes, non lontano da Charleroi.

Il popolare social network non vuole assolutamente che questo ragazzo ambizioso promuova online la sua possibile elezione. Forse ha idee troppo estreme? Il suo avversario ha pagato Mark Zuckerberg per non dargli visibilità? Niente di tutto questo, Facebook non vuole dare spazio ad Anus a causa del suo cognome fin troppo equivoco. Non si può non pensare infatti all’ano e per questo motivo il social ha deciso di bloccare la campagna elettorale, ritenuta offensiva. Il 26enne è rimasto a bocca aperta quando lo ha scoperto, però non può farci proprio nulla.

Il manifesto di Luc Anus

Ecco come sono andate le cose.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend