Ascolta Radio Maria a volume altissimo e disturba il vicino: finisce a botte e minacce

Commenti Memorabili CM

Ascolta Radio Maria a volume altissimo e disturba il vicino: finisce a botte e minacce

| 23/03/2019
Ascolta Radio Maria a volume altissimo e disturba il vicino: finisce a botte e minacce

Un’anziana e suo figlio hanno citato in tribunale un uomo che non è più riuscito a sopportare l’ascolto quotidiano di Radio Maria

Altro che piena di grazia, con Radio Maria c’è la certezza di una piena disgrazia. La celebre emittente cattolica (non certo la prima scelta degli appassionati di musica) si è presentata fin dal primo giorno nel 1982 come la “voce cristiana nella tua casa”. Questa voce deve essere stata un po’ troppo alta a Vicenza visto quello che è successo nelle ultime settimane nella città veneta.

Non è mai stato un mistero che gli ascoltatori più affezionati della frequenza siano gli anziani. La programmazione spirituale, i rosari e le messe sono quanto di meglio la terza età possa chiedere a una radio. Il discorso è valido come non mai per l’85enne vicentina protagonista di questa vicenda. La signora abita in un condominio e ogni mattina ha l’abitudine di ascoltare l’emittente.

Sono davvero tante le persone che hanno avuto o hanno come vicino un anziano che non sente molto bene e che per non perdersi il suo programma preferito alza il volume al massimo. Il dirimpettaio dell’85enne ha cercato di pazientare e di sopportare, ma non ce l’ha proprio fatta. Un solo muro a dividere i due appartamenti non è stato sufficiente ad evitare conseguenze amarissime.

Radio Maria e botte

La donna ha anche l’apparecchio acustico, ma evidentemente non basta questo accorgimento per sentire meglio. Come molte sue coetanee si alza prestissimo la mattina e la radio la accompagna durante la colazione e le ore successive. Il vicino di casa non è comunque l’unico a pensare che questo passatempo sia un vero e proprio incubo. Ecco cosa è successo di preciso.

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend