Alcuni tratti della personalità possono contribuire al deterioramento emotivo

Commenti Memorabili CM

Alcuni tratti della personalità possono contribuire al deterioramento emotivo

| 10/05/2022
Fonte: Pixabay

Una ricerca ha dimostrato una correlazione tra il danneggiamento cognitivo ed alcuni aspetti della personalità

  • Lo studio in questione ha esaminato quasi 2.000 soggetti di età e provenienza geografica diversa
  • Quest’ultimo si è concentrato su alcuni tratti della personalità in grado di influenzare l’assetto cognitivo dell’uomo
  • Dalla ricerca è emerso che anche le esperienze di vita possono far degenerare le capacità cognitive
  • Tra i disturbi psichici che possono scaturire riscontriamo la demenza
  • I tratti della personalità sono solitamente divisi nei cosiddetti “Big Five”

 

Secondo recenti studi, alcuni tratti della personalità degli esseri umani potrebbero deteriorare il profilo cognitivo dell’essere umano e generare problematiche psichiche come la demenza. In occasione di una ricerca, un team di scienziati ha preso come campione 1.954 volontari senza nessuna diagnosi psichica. Gli esperti hanno sottoposto agli esaminati una serie di questionari sulla personalità da compilare.

Il modulo, poi, è stato associato alle rispettive cartelle cliniche degli individui analizzati. Dai dati emersi, le persone risultate più organizzate ed autodisciplinate sembravano meno propense a sviluppare un lieve deterioramento cognitivo, mentre gli esaminati con tendenze nevrotiche erano più inclini ad acquisire danni psichici.

I tratti della personalità riflettono modelli di pensiero e di comportamento relativamente duraturi che possono influenzare cumulativamente i comportamenti ed i modelli di pensiero per tutta la vita“, afferma la psicologa Tomiko Yoneda, docente presso l’Università di Victoria in Canada.

L’accumulo di esperienze di vita contribuisce alla suscettibilità di particolari malattie o disturbi cognitivi o addirittura contribuire alle differenze individuali nella capacità di resistere ai cambiamenti neurologici legati all’età” ha continuato a spiegare l’esperta.

La suddivisione delle caratteristiche personali

I tratti della personalità sono solitamente divisi nei cosiddetti “Big Five”, classificabili in gradevolezza, apertura all’esperienza, coscienziosità, nevroticismo ed estroversione. Questo particolare studio ha esaminato gli ultimi tre.

La coscienziosità copre tratti della personalità tra cui l’essere responsabile, la capacità di organizzarsi e d’impegnarsi nella quotidianità ed il raggiungimento degli obiettivi. Coloro che hanno ottenuto un punteggio elevato (su una scala da 0 a 48) hanno registrato meno probabilità di sviluppare in futuro menomazioni.

Chi non mostrava tratti nevrotici tendeva ad essere emotivamente più stabile e a non sviluppare disturbi come depressione, ansia ed insicurezza emotiva con 7 punti in più sulla scala del nevroticismo (0-48).

Gli estroversi, invece, tendevano a mantenere un normale funzionamento psichico più duraturo in specifiche situazioni. L’estroversione coinvolge tratti caratteriali come l’assertività, l’entusiasmo per l’interazione sociale ed il mostrare energia verso le persone.

Le analisi hanno rivelato che tutti e tre i tratti della personalità sono associati in una certa misura a una salute cognitiva non compromessa. Ciò è trapelato principalmente tra le partecipanti di genere femminile” hanno specificato i ricercatori.

Al momento sono in corso ulteriori approfondimenti e studi circa la correlazione tra questi tratti della personalità e l’ipotetico deterioramento delle capacità cognitive dell’essere umano.

Leggi anche: Le preferenze alimentari rivelano i tratti della tua personalità: lo studio

Sebbene questo studio abbia utilizzato quasi 2.000 persone come dimensione del campione, è stato comunque condotto su soggetti provenienti da assetti sociali molto simili tra loro. Per questo motivo, ricerche future si incentreranno su individui molto più diversificati tra loro.

logo-img
La redazione di commentimemorabili.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su commentimemorabili.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia
Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend