La Venere di Ulm, il più antico esempio storico di “arte spinta”

Commenti Memorabili CM

La Venere di Ulm, il più antico esempio storico di “arte spinta”

| 07/11/2018
La Venere di Ulm, il più antico esempio storico di “arte spinta”

La Venere di Ulm si chiama in questo modo in quanto è stata trovata proprio nei pressi della città tedesca di Ulm. Era nascosta in una caverna di un bacino archeologico e i ricercatori capirono subito di avere a che fare con qualcosa di speciale. La donna raffigurata ha una testa stilizzata, mentre gli attributi sessuali sono fin troppo esasperati. Si sta parlando comunque di alcuni frammenti che sono stati ricavati 35mila anni fa dalla zanna di un mammuth.

Il periodo è quello in cui l’Homo Sapiens era impegnato a colonizzare l’Europa, proprio mentre l’Uomo di Neanderthal iniziava a declinare. Altre statuette sono state trovate in caverne non lontane, ma riproducono tutte animali e figure particolari di uomini. I genitali in bella mostra hanno messo in non poca difficoltà gli studiosi e gli esperti. Per non parlare proprio di pornografia si è fatto riferimento a una presunta antenata delle pin-up. La spiegazione più interessante è stata quella di un docente di Cambridge.

La città di Ulm

Che cosa ha raccontato di preciso?

Copyright © 2018 - Commenti Memorabili srl
P. IVA 11414940012

digitrend developed by Digitrend